DEHALFV - Lo specialista dell'energia verde

Alcuni consigli utili sulle scelte di acquisto e sull'uso razionale dei principali apparecchi domestici

risparmio energetico in casa > gli elettrodomestici

Frigoriferi e congelatori

  • Leggere attentamente l'etichetta energetica posta sull'apparecchio e scegliere un modello a basso consumo energetico (con un modello di classe B si spende per l'energia elettrica circa la metà d un modello dl classe G)
  • cegliere il modello adatto alle esigenze della famiglia: non acquistare frigoriferi o congelatori di grandi capacità se la famiglia non e numerosa. Gli apparecchi più capienti consumano di più (10 kWh ogni 100 litri di capacità) e il frigorifero ha gli stessi consumi sia quando è pieno sia quando è mezzo vuoto.
  • Controllare lo spessore delle pareti e della porta evitando di acquistare apparecchi troppo leggeri, perchè disperdono maggiormente il fresco e quindi consumano di più.
  • Collocare frigoriferi e congelatori nel punto più fresco della cucina e comunque lontano dalle fonti di calore o dalle finestre, facendo attenzione a lasciare uno spazio di almeno 10 cm tra la parete e il retro dell'apparecchio in modo che sia ben areato. I congelatori vanno bene anche collocati in cantina.
  • Riporre i cibi secondo le loro esigenze di conservazione ricordando che la zona più fredda del frigorifero è in basso, sopra il cassetto della verdura.
  • Introdurre i cibi nel frigorifero dopo che si sono raffreddati: si evita la formazione di brina sulle pareti e si consuma meno energia.
  • È bene regolare il termostato su temperature intermedie per evitare inutili sprechi di energia. La temperatura ideale è compresa tra +4°C nel punto più freddo e +10°C in quello più caldo: di norma ciò si ottiene con una posizione del termostato intermedia tra il minimo e il medio.Posizioni più fredde fanno aumentare i consumi del 10-15%.
  • Aprire la patta il meno possibile e solo per il tempo necessario: l'apertura prolungata della porta è la prima causa dell'aumento del consumo di energia.
  • Almeno una volta all'anno pulire il condensatore, cioè la serpentina posta sul retro del frigorifero,per meglio conservare l'efficienza dell'apparecchio e per non aumentare i consumi, ricordandosi di staccare prima là spina elettrica.
  • Controllare periodicamente che le guarnizioni di gomma della porta siano sempre in buono stato, avendo cura di sostituirle qualora appaiano consumate o schiacciate.
  • Lavatrici

  • Prima dell'acquisto controllare l'etichetta energetica che indica la classe di efficienza ed il consumo di energia elettrica per ogni ciclo di lavaggio (espresso in kWh/ciclo) e scegliere un apparecchio a basso consumo energetico classificato vicino al livello A.
  • Leggere la parte dell'etichetta energetica che indica la quantità d'acqua consumata per ogni ciclo di lavaggio e scegliere un modello che consuma meno acqua. Scaldando meno acqua si consuma meno energia e si risparmia sul detersivo.
  • Valutare l'opportunità di acquistare modelli che possono utilizzare anche acqua calda prodotta con il gas o con i pannelli solari. Portando alla temperatura necessarIa per il lavaggio acqua preriscaldata si risparmia sulla bolletta.
  • ull'etichetta energetica si trovano anche altre informazioni utili (capacità di carico, efficacia di lavaggio e centrifugazione) che aiutano a scegliere il modello più adatto alle proprie esigenze.
  • Utilizzare la lavatrice solo a pieno carico. Se la biancheria da lavare è poca azionare il tasto mezzo carico.
  • Separare il bucato in base ai tipo di tessuto e di sporco e scegliere correttamente il programma di lavaggio: significa utilizzare la macchina in modo efficiente e quindi consumare meno energia.
  • Preferire programmi di lavaggio a basse temperature (30-60°C). Lavare a 90°C solo biancheria molto sporca e molto resistente: a questa temperatura il lavaggio comporta elevati consumi di energia per riscaldare l'acqua.
  • Pulire periodicamente il filtro e le vaschette aiuta a consumare meno.
  • Non esagerare con il detersivo: un buon lavaggio non dipende tanto dalla quantità del detergente, quanto dall'uso corretto della macchina, dalle sue prestazioni e dalla durezza dell'acqua (semmai aggiungere un prodotto anticalcare). Risparmiare sul detersivo vuol dire inquinare di meno fiumi e mari.
  • Per maggiore sicurezza, non mettere in funzione la lavatrice con le mani bagnate o con i piedi nudi. In caso di inattività prolungata staccare la spina, chiudere l'acqua e socchiudere lo sportello.
  • istemare correttamente i piedini regolabili, in modo da garantire stabilità alla macchina quando la centrifuga ruota al massimo
  • i sono alcuni modelli di lavatrici programmati anche per l'asciugatura. Almeno nella bella stagione è bene non usare questo programma, perché per riscaldare l'aria necessaria all'asciugatura occorre molta energia.
  • Lavastoviglie

  • Come per le lavatrici, prima dell'acquisto, controllare sull'etichetta il livello di efficienza energetica in cui e stato classificato l'apparecchio e sceglierne uno a basso consumo energetico, classificato vicino al livello A.
  • Verificare sull'etichetta energetica il consumo di energia elettrica (espresso in kWh/ciclo} e quello dell'acqua (espresso in litri per ogni ciclo di lavaggio) e scegliere un modello che consuma meno energia e meno quantita d'acqua.
  • Alcuni modelli possono utilizzare anche acqua calda prodotta con il gas o con i pannelli solari. Se l'acqua e gIa riscaldata con altri sistemi si risparmia sulla bolletta.
  • Acquistare la lavastoviglie con la capienza (numero di coperti) piu adatta alle esigenze della propria famiglia. Sull'etichetta energetica si trovano le informazioni utili a scegliere il modello.
  • Utilizzare la lavastoviglie solo a pieno carico. Se ci sono poche stoviglie da lavare utilizzare il ciclo rapido o il lavaggio a freddo in modo che esse subiscano una prima sciacquatura e si possano lasciare nell'elettrodomestico fino a completare il carico, senza problemi di cattivi odori.
  • Per l stoviglie poco sporche utilizzare il ciclo economico, riservando il ciclo intensivo solo a carichi con pentole, padelle o pirofile particolarmente sporche.
  • Sciacquare le stoviglie prima di metterle nei cestelli e caricarle in modo da non impedire il movimento rotatorio degli spruzzatori.
  • Selezionare temperature per l'acqua non elevate, ad esempio 50¢XC, e riservare le temperature piu alte per stoviglie particolarmente sporche.
  • Non usare il programma di asciugatura: aprendo lo sportello e lasciando circolare l'aria si ottengono gli stessi risultati risparmiando il 45% di elettricita.
  • Pulire regolarmente il fIltro e gli ugelli degli spruzzatori e lavare periodicamente con detersivo la guarnizione in gomma dello sportello.
  • Chiudere il rubinetto dell'acqua dopo ogni lavaggio e lasciare lo sportello socchiuso quando la macchina non e in funzione.
  • Usare detersivi specifici per le lavastoviglie e non eccedere nel dosaggio: piu detersivo non lava di piu, ma inquina di piu.
  • Accertarsi che il sale dell'addolcitore dell'acqua ed il brillantante non siano esauriti.
  • Staccare la spina e chiudere l'acqua in caso di lunghi periodi di inattivita della macchina.
  • Forni elettrici

  • I forni elettrici ventilati sono da preferire rispetto a quelli normali perché mettono in movimento subito aria calda, determinando una temperatura uniforme all'interno e quindi consumi più ridotti. Inoltre, la possibilità di cottura simultanea di cibi diversi, dovuta alla ventilazione interna, consente economia di tempo e di elettricità.
  • Durante la cottura aprire la porta del forno solo se è indispensabile: il forno si raffredda e consuma più energia.
  • Effettuare il preriscaldamento solo quando è necessario, cioè quando è richiesto in modo specifico dalle ricette (ad esmpio per la cottura di dolci).
  • Spegnere il forno qualche minuto prima che la cottura sia completata, in modo da sfruttare il calore residuo.
  • Dopo aver staccato l'alimentazione elettrica, pulire il forno ogni volta che viene utilizzato, preferibilmente quando l'apparecchio è ancora tiepido (così la pulizia sarà più facile) usando gli appositi prodotti detergenti.
  • Forni a microonde

  • I forni a microonde consumano meno (circa la meta) rispetto ai forni elettrici tradizionali, perche cuociono più rapidamente e dall'interno gli alimenti, senza bisogno di preriscaldamento (il tempo di cottura e ridotto anche del 25%)
  • I forni a microonde conservano intatte le proprieta nutritive dei cibi e sono adatti anche per scongelare rapidamente gli alimenti surgelati, ma hanno talune caratteristiche (mancata doratura dei cibi, cottura poco uniforme, ecc) che non permettono dl utilizzarli in ogni circostanza.
  • Per i forni a microonde usare recipienti trasparenti a onde (vetro porcellana ceramica) e mai recipienti di metallo.
  • Scaldabagni elettrici

  • Lo scaldabagno elettrico e una delle maggiori fonti di consumo di energia elettrica in casa (mediamente la meta della bolletta).
  • Lo scaldabagno elettrico e consigliato solo quando non vi e alcuna possibilita di podurre acqua calda con altri sistemi piu economici (pannelli solari, caldaia istantanea a gas, caldaia a legna, ecc.9.
  • Scegliere un modello di capacita proporzionata al bisogno effettivo di acqua calda della famiglia, perche mantenendo troppa acqua calda nel boiler si consuma di piu.
  • Verificare che io scaldabagno abbia un adeguato isolamento termico, cioe sia dotato di pareti isolanti spesse, tali da non disperdere il calore.
  • Posizionare l'apparecchio vicino al punto di utilizzo per evitare inutili dispersioni di calore attraverso le tubazioni. Per evitare queste dispersioni spesso e preferibile acquistare due apparecchi piu piccoli invece di uno grande.
  • Regolare il termostato dell'apparecchio a 40¢XC d'estate ed a 60¢XC d'inverno.
  • Installare un timer che accenda lo scaldabagno 3-4ore prima del suo utilizzo, per evitare che l'apparecchio entri in funzione durante la giornata, anche quando non si preleva l'acqua.
  • Risparmio energetico in casa

    Il riscaldamento autonomo
    Le caldaie ad alto rendimento
    Il riscaldamento a pavimento
    L'accumulo termico
    Il consumo energetico degli edifici
    La pompa di calore
    Gli elettrodomestici
    Illuminazione della casa

    Elettrificazione e rinnovabili al 2050, uno sforzo epocale

    11/4/2019 | News Rinnovabili

    Tagliare le emissioni di CO2 del 70% a metà secolo è possibile, ma richiede uno sforzo considerevole per rivoluzionare l'attuale mix energetico.

    La povertà energetica colpisce una persona su quattro in Europa

    08/4/2019 | News Rinnovabili

    In Europa 80 milioni di persone vivono in case inadeguate e insalubri. 60 ONG europee chiedono ai leader dell’UE a “porre fine alla povertà energetica adesso”

    “L’Europa acceleri sull’energy storage”, l’avvertimento della Corte dei conti Ue

    04/4/2019 | News Rinnovabili

    La Corte segnala che i progressi fatti finora per aumentare la capacità produttiva di batterie al litio sono insufficienti.

    Energia e clima, sulla decarbonizzazione l’Italia sta rallentando

    01/4/2019 | News Rinnovabili

    Crescono i consumi, trainati dai trasporti, e cala la produzione da eolico e fotovoltaico. L'analisi ENEA sui dati del 2018.

    Batterie al litio, riciclare quasi tutto è possibile

    28/3/2019 | News Rinnovabili

    Due aziende finlandesi, Fortum e Crisolteq, hanno sviluppato un procedimento industriale che permette di recuperare l’80% dei materiali degli accumulatori, compresi i metalli più preziosi come nickel e cobalto.

    Fotovoltaico tandem silicio-perovskite, si avvicina la produzione industriale

    25/3/2019 | News Rinnovabili

    Accordo strategico tra Meyer Burger e Oxford PV: prima linea pilota da 200 MW entro la fine del 2020 puntando al 27% di efficienza.

    Trova lo specialista più vicino a te

    Regione  
    Provincia  

    Calendario Eventi

    LMMGVSD
         12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    242526272829
    <<  Febbraio  2020  >>