DEHALFV - Lo specialista dell'energia verde

L'Ue lancia la riforma delle politiche dell'aria

dehalfv magazine > News Rinnovabili

Nuovi tetti di emissione per gli inquinanti atmosferici principali e una direttiva per ridurre l’impatto ambientale degli impianti di combustione di medie dimensioni, con particolare attenzione alle aree urbane. La qualità dell’aria torna nell’agenda europea, con un pacchetto di proposte approvato il 18 dicembre dalla Commissione e che adesso, prima di diventare legge, dovrà passare al vaglio del Parlamento e del Consiglio dell’Ue.

Un provvedimento frutto di un lavoro di revisione delle politiche attuali durato tre anni, in una corsa contro il tempo per la sua adozione entro il 2013, proclamato dal commissionario all’Ambiente Janez Potočnik “Year of air”, e pochi mesi dopo che l’Organizzazione mondiale della Sanità ha ammesso il legame tra aria inquinata e tumore.



Sei sono le sostanze inquinanti prese di mira, tutte molto dannose per la salute umana, per le quali si prevedono nuovi limiti di emissione nazionali al 2020, 2025 e 2030 attraverso un aggiornamento della direttiva NEC (National emission ceilings). Ci sono “vecchie conoscenze” come il diossido di zolfo e gli ossidi di azoto, prodotti da centrali elettriche, riscaldamenti domestici, industria e trasporti navali: il primo è il principale responsabile delle piogge acide, i secondi della proliferazione eccessiva di alcune piante a causa dell’alta concentrazione nell’acqua e nei suoli di nitrati e fosfati. Tetti precisi saranno previsti anche per i composti organici volatili, emessi dai solventi usati in molti settori industriali e per l’ammoniaca, derivante dall’allevamento e dall’uso di fertilizzanti, anch’essa con forti impatti sulla salute umana e gli ecosistemi.


Quattro “sorvegliati speciali” a cui la Commissione vuole aggiungerne altri due: il metano, uno dei principali gas serra causa anche dei cambiamenti climatici, e il particolato 2,5 (PM 2,5), le polveri sottili emesse da trasporti, produzione energetica e riscaldamento all’origine di problemi respiratori e cardiovascolari, e di tumori. Per adesso non verranno invece cambiati gli standard di qualità dell’aria, ossia i livelli massimi di concentrazione in atmosfera dei singoli inquinanti: «In questa fase – spiega Potočnik - vogliamo puntare a ridurre le emissioni di queste sostanze alla fonte, in modo da creare le condizioni per poter ridurre in un secondo momento anche le soglie massime di concentrazione», contenute in un’altra direttiva che al momento non verrà cambiata.  

TEL AVIV: ENERGIA RINNOVABILE DALL’UMIDITÀ

15/6/2020 | News Rinnovabili

Le ultime settimane hanno rivelato innumerevoli studi su nuovi fonti di energia rinnovabile in tutto il mondo.

3 GIUGNO: GIORNATA MONDIALE DELLA BICICLETTA

02/6/2020 | News Rinnovabili

In occasione della Giornata Mondiale della Bicicletta, festeggiata ogni 3 Giugno, ecco qui alcuni consigli per la salute del cittadino e del pianeta.

LA SENSIBILITA’ VERSO IL PIANETA AUMENTATA CON LA PANDEMIA

25/5/2020 | News Rinnovabili

Il virus che ho stravolto le nostre vite ci ha fatto comprendere l’importanza del nostro pianeta e del nostro ruolo come consumatori. I progetti per il futuro sono Green.

LE BATTERIE RICICLATE DEGLI AUTOVEICOLI ELETTRICI RINASCONO NEGLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI

25/5/2020 | News Rinnovabili

I progetti di riutilizzo delle vecchie batterie porteranno benefici economici sia ai produttori auto che ai parchi solari su scala utility

LE RINNOVABILI RESISTONO AL COVID-19

25/5/2020 | News Rinnovabili

Nonostante il Covid-19 le energie rinnovabili continuano ad affermarsi

ARRIVANO I SISTEMI FOTOVOLTAICI CON CREDITO D'IMPOSTA

21/5/2020 | News Rinnovabili

Con il 110% di SUPER BONUS finalmente l'efficienza energetica diventa una realtà alla portata di tutti.

Trova lo specialista più vicino a te

Regione  
Provincia  

Calendario Eventi

LMMGVSD
   1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031
<<  Dicembre  2022  >>