DEHALFV - Lo specialista dell'energia verde

FRANCIA: LE 150 PROPOSTE SUL CAMBIAMENTO CLIMATICO

dehalfv magazine > News Rinnovabili

 

Il 29 giugno il presidente francese Macron riceverà all’Eliseo 150 cittadini, preventivamente tirati a sorte, e il loro programma per avviare in Francia una “transizione ecologica e solidale”. 

In otto mesi di lavoro i 150 si sono costituiti in Assise Civiche per il clima e hanno formulato le loro proposte con un metodo originale. 

 

Riassumiamo qui alcune delle 150 proposte, suddivise in sei gruppi.

 

Riforme istituzionali

- Due aggiunte alla Costituzione, da sottoporre a referendum popolare.

Nel preambolo: “La riconciliazione dei diritti, delle libertà e dei principi che ne derivano non deve compromettere la conservazione dell'ambiente, patrimonio comune dell'umanità.”

Nell’articolo 1: “La Repubblica garantisce la conservazione della biodiversità e dell'ambiente e lotta contro i cambiamenti climatici.”

- Adottare una legge che sanzioni il reato di ecocidio e che integri il dovere di vigilanza e il reato di imprudenza

- Un nuovo magistero, il "Garante dell'ambiente” (come il Garante della concorrenza)

- Riforma in cinque capitoli del Consiglio economico, sociale e ambientale CESE. Nuovo nome: Camera di partecipazione dei cittadini CPC

Consumo

- Aumentare la longevità dei prodotti. Far rispettare la legge che vieta l’obsolescenza programmata. Rendere obbligatoria la riparabilità dei prodotti venduti in Francia (1 ) e la disponibilità di pezzi di ricambio originali per un periodo di tempo definito (2 ). Allestire canali di riparazione e rendere accessibili i servizi post-vendita (3)

- Vietare il deposito di pubblicità non richiesta nelle caselle della posta

- Sistemi d’informazione per incoraggiare le persone a consumare meno

- Divieto dei videoschermi pubblicitari nei luoghi e nei trasporti pubblici

- Regolamentare la pubblicità per limitare fortemente gli incentivi al consumo non desiderati 

- Dal 2023 riciclaggio obbligatorio degli oggetti in plastica e divieto dei prodotti di plastica monouso

- Implementare un punteggio di emissioni di gas di serra su tutti i prodotti e servizi, e obbligo di esporlo nei luoghi di vendita e di consumo e nella pubblicità 

- Graduale obbligo di fornire prodotti sfusi (alla spina), con percentuale minima 

- Implementazione graduale di un sistema di deposito delle bottiglie di vetro lavabili, con implementazione nel 2025

- Rafforzare l'educazione all'ambiente e allo sviluppo sostenibile facendone una missione trasversale degli insegnanti

Nutrirsi 

- Tassare i prodotti altamente trasformati, con un'elevata impronta di carbonio e con un basso apporto nutrizionale

- Vietare la pubblicità che promuove il sovra-consumo di prodotti nocivi alla salute

- Indicazione sul luogo d’acquisto del bilancio carbonio di prodotti e servizi

- Limitare i troppi imballaggi e favorire i rifornimenti alla spina

- Riformare il funzionamento dei label ecologici (etichette di garanzia) abolendo quelli privati e introducendo un label ufficiale per prodotti dell'agricoltura ecologica

- Creare un "osservatorio della ristorazione collettiva" per condividere le buone pratiche e monitorare il raggiungimento degli obiettivi 

- Utilizzare la leva degli appalti pubblici per promuovere prodotti provenienti da circuiti brevi, locali e a basso costo ambientale, sotto forma di "guida all'acquisto" da inviare agli acquirenti pubblici.

- Numero minimo di pasti vegetariani nella ristorazione collettiva e sovvenzione di 10 cent per pasto

- Entro il 2040 50% di superficie agricola a cultura biologica. 

- Concimi azotati: aumento dell'imposta generale sulle attività inquinanti (TGAP)

- Entro il 2035 diminuzione dell'uso di pesticidi e divieto dei prodotti CMR (cancerogeni, mutageni, ripro-tossici), nonchè diminuzione dell'uso fitosanitari del 50% e divieto dei pesticidi più dannosi 

- Riformare l'educazione e la formazione agricola: integrare l'insegnamento dell'agroecologia nel curriculum obbligatorio, imporre stage nelle aziende agricole che applicano metodi agroecologici, aprire la formazione continua sulle pratiche agroecologiche a tutti gli agricoltori, formare consulenti tecnici in pratiche agroecologiche

- Rendere il piano strategico nazionale (NSP) per l’agricoltura compatibile con la strategia nazionale a basse emissioni di carbonio (SNBC), la strategia nazionale per la biodiversità, il piano nazionale per la salute e l'ambiente (PNNE), la strategia nazionale per combattere la deforestazione importata (SNDI).

- Ridurre le emissioni di gas serra della pesca e del trasporto marittimo continuando l'ammodernamento della flotta navale verso sistemi di propulsione ecologici

- Informare meglio i consumatori rafforzando la comunicazione sul PNNS Programma nazionale nutrizione e salute, e sua riforma. Vietare la pubblicità di prodotti vietati dal PNNS

Abitare 

- Ristrutturazione energetica di tutti gli edifici entro il 2030

- Per i meno abbienti, sussidi per le ristrutturazioni energetiche

- Favorire comportamenti economi di energia. In case e luoghi di lavoro, d’inverno 19°, d’estate fino a 25° senza condizionatore

- Formare i professionisti dell'edilizia per soddisfare la domanda di ristrutturazione globale e garantire la transizione verso pratiche eco-responsabili

- Ridurre l’uso d’energia in tutti gli spazi ed edifici pubblici

- Definire un numero massimo di ettari che possono essere artificializzati, riducendo di metà il tasso di artificializzazione del suolo

- Arrestare lo sviluppo di zone commerciali periurbane ad alta intensità di spazio

- Valutare il potenziale di reversibilità degli edifici prima della demolizione

Muoversi 

- Ridurre l’IVA sui viaggi in treno dal 10% al 6%

- Sviluppare un sistema di biglietto e di abbonamento generale, valido su tutti i mezzi di trasporto (come in Svizzera)

- Prestito statale a tasso zero per nuovi veicoli meno inquinanti

- Lasciapassare urbano verde per veicoli a emissioni quasi zero

- Bonus-malus per tasse, sovvenzioni e assicurazioni in funzione delle emissioni del veicolo

- Formazione obbligatoria degli autisti alla guida ecologica (ecodrive.ch)

- Aumentare il finanziamento delle infrastrutture per biciclette da 50 a 200 milioni di euro all’anno

- Ridurre il limite di velocità sulle autostrade da 130 km/h a 110 km/h

- Vietare i centri urbani ai veicoli più inquinanti e vietare le loro vendita dal 2025

- Meno aiuti fiscali al gasolio

- Promuovere il noleggio di lungo termine dei veicoli, il car-pooling (uso insieme) e il car-sharig (condivisione), specialmente tra i dipendenti di un’azienda

- Organizzare gradualmente entro il 2025 la fine del traffico aereo sui voli nazionali per i quali esiste un'alternativa ragionevole a basse emissioni (su un viaggio di meno di 4 ore).

- Divieto di nuovi aeroporti e di espansione degli esistenti

- Tasse più elevate sul carburante per l'aviazione da diporto

- Navi. Fornire elettricità alle navi in porto per evitare le emissioni dei motori. Agire sulle normative internazionali per il controllo delle emissioni di gas di serra delle navi

Produrre e lavorare

- Ridurre l'orario di lavoro senza perdita di salario, con l'obiettivo della sobrietà e della riduzione dei gas serra (N.d.r. la proposta di riduzione da 35 a 28 ore lavorative settimanali è stata respinta dal 65% dei partecipanti)

- Partecipazione di cittadini, imprese locali, associazioni locali e autorità locali a progetti di energia rinnovabile. Sviluppo dell'autoconsumo 

- Accompagnare l'evoluzione della tecnologia digitale per ridurne l’impatto ambientale

- Regolamentare il risparmio e la governanza della Cassa depositi e prestiti (CDC) e delle banche per finanziare investimenti verdi. 

- Rinegoziare l’accordo CETA (Comprehensive Economic and Trade Agreement) con il Nord-America a livello europeo per integrarvi gli obiettivi climatici dell'accordo di Parigi

- Le società che distribuiscono più di 10 milioni di euro di dividendi annuali parteciperanno al finanziamento collettivo della transizione ecologica fino al 4% dell'importo dei dividendi; fino al 2% per le aziende con meno di 10 milioni di dividendi.

- Includere un bilancio del carbonio nel bilancio di tutte le strutture che devono produrre un bilancio

- Adeguamento dei dazi sulle merci ai confini dell'UE al loro bilancio carbonio, con ammortizzatori per i cittadini più svantaggiati

- Difendere una riforma della politica commerciale europea: sancire il principio di precauzione negli accordi commerciali, rendere vincolante il rispetto degli impegni dell'Accordo di Parigi, porre fine ai tribunali arbitrali privati, garantire la trasparenza e consentire il controllo democratico dei negoziati

 

 



 

TEL AVIV: ENERGIA RINNOVABILE DALL’UMIDITÀ

15/6/2020 | News Rinnovabili

Le ultime settimane hanno rivelato innumerevoli studi su nuovi fonti di energia rinnovabile in tutto il mondo.

3 GIUGNO: GIORNATA MONDIALE DELLA BICICLETTA

02/6/2020 | News Rinnovabili

In occasione della Giornata Mondiale della Bicicletta, festeggiata ogni 3 Giugno, ecco qui alcuni consigli per la salute del cittadino e del pianeta.

LA SENSIBILITA’ VERSO IL PIANETA AUMENTATA CON LA PANDEMIA

25/5/2020 | News Rinnovabili

Il virus che ho stravolto le nostre vite ci ha fatto comprendere l’importanza del nostro pianeta e del nostro ruolo come consumatori. I progetti per il futuro sono Green.

LE BATTERIE RICICLATE DEGLI AUTOVEICOLI ELETTRICI RINASCONO NEGLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI

25/5/2020 | News Rinnovabili

I progetti di riutilizzo delle vecchie batterie porteranno benefici economici sia ai produttori auto che ai parchi solari su scala utility

LE RINNOVABILI RESISTONO AL COVID-19

25/5/2020 | News Rinnovabili

Nonostante il Covid-19 le energie rinnovabili continuano ad affermarsi

ARRIVANO I SISTEMI FOTOVOLTAICI CON CREDITO D'IMPOSTA

21/5/2020 | News Rinnovabili

Con il 110% di SUPER BONUS finalmente l'efficienza energetica diventa una realtà alla portata di tutti.

Trova lo specialista più vicino a te

Regione  
Provincia  

Calendario Eventi

LMMGVSD
  12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031
<<  Luglio  2020  >>