DEHALFV - Lo specialista dell'energia verde

“L’Europa acceleri sull’energy storage”, l’avvertimento della Corte dei conti Ue

dehalfv magazine > News Rinnovabili

L’accumulo energetico è un ingrediente essenziale per eliminare l’uso di carbone, petrolio e gas nei vari settori (produzione di elettricità, trasporti, riscaldamento): eppure, l’Europa è in ritardo nello sviluppare le soluzioni e tecnologie di storage, tanto da rischiare di compromettere i suoi obiettivi sulle risorse rinnovabili e sulla riduzione delle emissioni inquinanti.

 

Questa la conclusione che si legge in un recente documento della Corte dei conti europea, EU support for energy storage, che evidenzia alcuni punti critici della strategia messa in campo finora da Bruxelles.

 

Parlando di sistemi di accumulo, l’attenzione si concentra in modo particolare sulle batterie al litio destinate non solo ai veicoli 100% elettrici e ibridi plug-in, ma anche alle applicazioni stazionarie per singoli edifici oppure a livello di rete tramite grandi installazioni di accumulatori.

 

Le batterie, infatti, possono sostenere la diffusione su vasta scala di una mobilità più pulita, a zero emissioni, oltre a garantire più sicurezza e continuità alla generazione di energia elettrica con gli impianti eolici e solari, il cui output è sempre condizionato dalle variabili ambientali (ventosità, irraggiamento).

 

L’Europa, in questo campo, sta annaspando, nonostante i ripetuti tentativi di rilanciare investimenti multimiliardari per creare un’industria continentale delle batterie capace di contrastare, almeno in parte, la concorrenza asiatica.

 

Infatti, nel previsto più che raddoppio della capacità produttiva mondiale di celle al litio al 2021, l’Europa aumenterà in piccolissima parte il suo contributo, passando da un 3% sul totale della produzione nel 2018 ad appena il 5% tre anni più tardi, al contrario dell’Asia che manterrà il suo primato assoluto, davanti agli Usa.

 

La Commissione europea aveva pensato di sbloccare la realizzazione di almeno 10-20 gigafactory di batterie entro il 2025 per complessivi 200 GWh di capacità/anno, con un investimento cumulativo nell’ordine di 20 miliardi di euro.

 

Tuttavia, evidenzia la Corte dei conti Ue, con ogni probabilità i numeri saranno intorno a 70 GWh di forza produttiva nel 2023, quindi ancora ben lontani dal traguardo fissato dalla Battery Alliance.

 

E di questi 70 GWh/anno poco più di metà sarà in mano a compagnie con sede principale fuori dei confini europei: colossi asiatici o americani che avranno investito in alcuni stabilimenti nel nostro continente.

 

In definitiva, osserva la Corte dei conti europea, Bruxelles dovrà migliorare diversi aspetti della sua strategia per l’accumulo energetico: ad esempio, dovrà eliminare tutte le barriere tecnico-amministrative che ancora ostacolano la realizzazione di nuove infrastrutture per i carburanti alternativi (colonnine di ricarica, stazioni per l’idrogeno) e promuovere le riforme dei mercati elettrici in modo da valorizzare i servizi di rete offerti dagli accumuli (regolazione di frequenza, bilanciamento della domanda). 

Elettrificazione e rinnovabili al 2050, uno sforzo epocale

11/4/2019 | News Rinnovabili

Tagliare le emissioni di CO2 del 70% a metà secolo è possibile, ma richiede uno sforzo considerevole per rivoluzionare l'attuale mix energetico.

La povertà energetica colpisce una persona su quattro in Europa

08/4/2019 | News Rinnovabili

In Europa 80 milioni di persone vivono in case inadeguate e insalubri. 60 ONG europee chiedono ai leader dell’UE a “porre fine alla povertà energetica adesso”

“L’Europa acceleri sull’energy storage”, l’avvertimento della Corte dei conti Ue

04/4/2019 | News Rinnovabili

La Corte segnala che i progressi fatti finora per aumentare la capacità produttiva di batterie al litio sono insufficienti.

Energia e clima, sulla decarbonizzazione l’Italia sta rallentando

01/4/2019 | News Rinnovabili

Crescono i consumi, trainati dai trasporti, e cala la produzione da eolico e fotovoltaico. L'analisi ENEA sui dati del 2018.

Batterie al litio, riciclare quasi tutto è possibile

28/3/2019 | News Rinnovabili

Due aziende finlandesi, Fortum e Crisolteq, hanno sviluppato un procedimento industriale che permette di recuperare l’80% dei materiali degli accumulatori, compresi i metalli più preziosi come nickel e cobalto.

Fotovoltaico tandem silicio-perovskite, si avvicina la produzione industriale

25/3/2019 | News Rinnovabili

Accordo strategico tra Meyer Burger e Oxford PV: prima linea pilota da 200 MW entro la fine del 2020 puntando al 27% di efficienza.

Trova lo specialista più vicino a te

Regione  
Provincia  

Calendario Eventi

LMMGVSD
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031
<<  Luglio  2019  >>