DEHALFV - Lo specialista dell'energia verde

Comuni Rinnovabili 2018: il rapporto Legambiente ritrae un’Italia sempre più rinnovabile

dehalfv magazine > News Rinnovabili

Sono 3.060 i Comuni italiani autosufficienti per i fabbisogni elettrici e 37 i Comuni al 100% rinnovabili con un modello di autoproduzione che oggi è al centro delle Direttive Europee. Questi i dati principali dell’ultima edizione del dossier di Legambiente “Comuni Rinnovabili“.

 

In tutti e 7.978 municipi italiani oggetto delle indagini dell’associazione ambientalista – si legge nel comunicato di riferimento – sono stati installati uno o più impianti da fonti rinnovabili. “Un bel risultato, commenta Legambiente, visto che 10 anni fa erano solo 356”.

 

In tutto – spiega l’associazione – sono ben 7.862 i Comuni in cui sono presenti impianti fotovoltaici, 6.822 quelli del solare termico, 1.489 quelli del mini idroelettrico (in particolare al centro nord) e 1.025 quelli dell’eolico (soprattutto al centro sud), 4.130 quelli delle bioenergie e 595 quelli della geotermia.

 

Grazie a questo mix di impianti distribuiti su tutto il territorio, ben 3.060 Comuni sono diventati autosufficienti per i fabbisogni elettrici e 58 per quelli termici, mentre 37 municipi – come detto all’inizio – si confermano rinnovabili al 100% per tutti i fabbisogni delle famiglie.

 

In dieci anni la produzione da rinnovabili è cresciuta di oltre 50 TWh mettendo in crisi il modello fondato sulle fossili, con un contributo delle rinnovabili che è passato dal 15 al 34,4% rispetto ai consumi elettrici e dal 7 al 17,7% in quelli complessivi. Risultati importanti che ora devono essere da stimolo per obiettivi molto più ambiziosi al 2030.


Rinnovabili nelle regioni d’Italia

 

Secondo il rapporto Comuni Rinnovabili 2018, è la Lombardia la regione con il maggior numero di impianti a fonte rinnovabile in Italia, con 7.989 MW installati, grazie soprattutto all’eredità dell’idroelettrico del secolo scorso. La Puglia è invece la regione col maggior numero di installazioni delle “nuove” rinnovabili, ossia solare ed eolico (5.056 MW su 5.388 MW totali).

 

Il problema – scrive Legambiente – è che lo sviluppo delle rinnovabili è stato fortemente rallentato negli ultimi anni, perché le politiche hanno guardato in un’altra direzione e perché non sono stati risolti i problemi legati alle barriere, anche non tecnologiche, che trovano i progetti nei territori.

 

In molte regioni – prosegue l’associazione – è di fatto vietata la realizzazione di nuovi progetti rinnovabili, visto l’incrocio di burocrazia, limiti posti con il recepimento delle linee guida nazionali e veti dalle soprintendenze. In questi anni, infatti, non vi è stata alcuna semplificazioni importante per gli interventi di piccola taglia e mancano ancora riferimenti chiari di integrazione nei territori per gli impianti più grandi e complessi.

 

Negli ultimi cinque anni, infatti, la crescita delle installazioni è fortemente rallentata, la media per il solare è stata di 407 MW all’anno e di 301 MW per l’eolico, cifre del tutto inadeguate a raggiungere perfino i già limitati target fissati dalla SEN.

 

Il segnale positivo è che nel fotovoltaico gli impianti sono andati avanti malgrado lo stop agli incentivi, con 233mila impianti realizzati di piccola taglia negli ultimi tre anni. E oggi, grazie all’Europa, diventa possibile abbattere le barriere che in Italia impediscono di scambiare energia prodotta da fonti rinnovabili nei condomini, in un distretto produttivo o in un territorio agricolo.

 

La nuova direttiva sulle fonti rinnovabili – si aggiunge nella nota – oramai definitivamente approvata, stabilisce i diritti dei prosumer (i produttori-consumatori) e delle comunità energetiche proprio in una logica di favorire autoproduzione e distribuzione locale. E con la riduzione continua dei prezzi di solare, eolico e batterie, ciò porterà a un cambiamento di portata radicale.

 

Rilanciare investimenti nelle rinnovabili

 

Nel 2017 è calato anche il contributo della produzione da rinnovabili rispetto ai consumi e sono tornate ad aumentare le emissioni di CO2. Occorre quindi cambiare registro e i rilanciare gli investimenti per raggiungere non più solo gli obiettivi stabiliti a livello europeo, in coerenza con l’Accordo di Parigi sul Clima, ma livelli più ambiziosi e in grado di scongiurare le drammatiche conseguenze sociali e economiche di un aumento della temperatura oltre i 2 gradi.

 

Obiettivi tecnicamente raggiungibili, come dimostra la ricerca realizzata da Elemens per Legambiente, secondo la quale, diminuendo al 2030 le emissioni del 55%, si avrebbero benefici pari a 5,5 miliardi di euro all’anno (considerando il consumo evitato di combustibili e il minor gettito fiscale) con la creazione di 2,7 milioni di posti di lavoro. Tutto ciò grazie alla riduzione delle importazioni dall’estero di combustibili fossili e dei consumi energetici, con costi indiretti sulla salute. 

Dieci paesi chiedono all’Europa di azzerare le emissioni di CO2. C’è anche l’Italia

23/11/2018 | News Rinnovabili

Una lettera congiunta inviata a Bruxelles per sostenere obiettivi ambiziosi, credibili e dettagliati per una strategia climatica al 2050.

Energie dal mare: lo stato delle cose e il laboratorio del Mediterraneo

20/11/2018 | News Rinnovabili

Un panorama sullo stato dell’arte delle tecnologie marine per la produzione di elettricità da correnti e onde. L’innovazione ora potrebbe partire anche dalle coste italiane. Obiettivo 20% di elettricità europea dal mare al 2040?

Dalla Germania 1 miliardo di euro per l’industria delle batterie

16/11/2018 | News Rinnovabili

Il governo tedesco vuole favorire gli investimenti in nuove fabbriche di accumulatori al litio.

Riscaldamenti: dieci consigli ENEA per risparmiare

13/11/2018 | News Rinnovabili

L'Enea propone 10 regole pratiche per scaldare al meglio le proprie abitazioni e risparmiare evitando sprechi, sanzioni e brutte sorprese in bolletta.

Rinnovabili e accumulo per l’autonomia energetica delle aree isolate

09/11/2018 | News Rinnovabili

Il progetto europeo REMOTE prevede l'installazione di sistemi ibridi di accumulo di energia power to power in alcune aree isolate di Italia, Grecia e Norvegia

Una fase cruciale per il futuro di emissioni e decarbonizzazione

30/10/2018 | News Rinnovabili

La risoluzione votata dall'Europarlamento di portare dal 40 al 55% l’obbiettivo di riduzione delle emissioni al 2030 potrebbe innescare un'ulteriore rialzo degli obiettivi su rinnovabili ed efficienza. E, visti alcuni segnali positivi dal mercato, bisognerebbe giocarsi subito questa carta.

Trova lo specialista più vicino a te

Regione  
Provincia  

Calendario Eventi

LMMGVSD
     12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31
<<  Dicembre  2018  >>