DEHALFV - Lo specialista dell'energia verde

Edifici: la riqualificazione profonda è una necessità, ma occorre renderla possibile

dehalfv magazine > News Rinnovabili

La riqualificazione energetica degli edifici è ormai una priorità che riguarda le politiche italiane ed europee in maniera stringente per poter ridurre considerevolmente i consumi energetici. Ciò che si dovrà fare nel prossimo futuro sarà proprio puntare ad edifici a consumi quasi zero (NZEB) ed a livelli di urbanizzazione e logistica efficienti in un’ottica di economia circolare.

 

Le politiche europee al 2030 prevedono, infatti, dei punti ben precisi tra cui un obiettivo di miglioramento dell’efficienza energetica al 32,5% e la necessità di ridurre le emissioni agendo anche su edifici e trasporti.

 

“La riqualificazione spinta è onerosa e difficilmente perseguibile su larga scala senza condizioni adeguate, tra cui la disponibilità di progettisti e ditte qualificate per ristrutturazioni profonde, il superamento dell’attuale normativa sui vincoli architettonici (oltre 200 mila edifici vincolati a livello nazionale), l’industrializzazione del settore delle ristrutturazioni e la disponibilità e stabilità di incentivi dedicati” ha sottolineato Dario Di Santo durante la Conferenza FIRE “Enermanagement civile” svoltosi a Bologna.

 

Dopo aver illustrato le sfide da superare per sbloccare la riqualificazione del patrimonio immobiliare nazionale, si è parlato di detrazioni fiscali con l’intervento di Amalia Martelli dell’ENEA. La legge di Bilancio 2018 (Legge 27 dicembre 2017, n. 205) ha prorogato gli incentivi al 31 dicembre 2018. Per interventi relativi a parti comuni degli edifici condominiali la Legge di Bilancio 2017 ha prorogato gli incentivi al 31 dicembre 2021. Dal Rapporto Annuale Enea 2018 sulle detrazioni fiscali è emerso che nel periodo 2104-2017 sono stati attivati investimenti per più di 13 mld di euro (di cui circa 3,7 mld nel 2017).

 

“Purtroppo come ogni anno ci si ritrova a discutere in finanziaria del futuro dell’ecobonus. È difficile pensare di avviare il mercato delle ristrutturazioni spinte in questo modo”, ha evidenziato Di Santo, “per fortuna il settore pubblico si è attivato negli ultimi anni e si stanno realizzando interventi molto interessanti. Senza incentivi, comunque, il mercato non potrà decollare prima di una reale disponibilità di processi di riqualificazione industrializzati, che sono una priorità.”

 

Una prima considerazione emersa nel corso della conferenza è che il settore pubblico appare più semplice da riqualificare nel breve termine rispetto a quello privato, che ha bisogno invece degli incentivi statali per approdare a degli interventi di successo.

 

La strada da percorrere, però, dovrebbe prevedere situazioni che non facciano solo riferimento agli strumenti di incentivazioni poiché instabili (come al conto termico). Le opportunità ci sono, basti pensare all’energy performance contract (EPC) o ai fondi europei.

 

Occorre inoltre monitorare le prestazioni effettive degli edifici ad alte prestazioni, per verificare che raggiungano quanto promesso e che lo facciano migliorando l’esperienza degli occupanti. Purtroppo sono poche le realtà in cui ciò è stato fatto.

 

Infine, durante il convegno si è sottolinea che riqualificare gli edifici o costruirne di nuovi seguendo certi criteri non significa apportare benefici solo in termini di efficienza energetica ma anche per ciò che riguarda la sicurezza sismica, il comfort termico, la qualità dell’aria ed altro ancora. Tutto ciò aumenta la qualità degli aspetti economici legati all’edificio stesso.

Tandem e bifacciale, arriva un nuovo fotovoltaico super-efficiente?

07/3/2019 | News Rinnovabili

Sviluppata una nuova cella FV speciale di silicio e perovskite che cattura la luce da entrambi i lati: raggiunge un’efficienza equivalente del 30,2%

Da ENEA un modello per la smart city del futuro

04/3/2019 | News Rinnovabili

Strumenti e prototipi per abitazioni e ambiente urbano, dal risparmio energetico e idrico alla sicurezza e salute delle persone.

Eolico offshore, parte dopo 10 anni il progetto di Taranto: sarà il primo parco in mare del Mediterraneo

28/2/2019 | News Rinnovabili

Arriva dalla banca d’affari francese Natixis il finanziamento che consentirà la realizzazione del primo parco eolico off-shore in Italia: 30 MW che entreranno in esercizio nel 2020.

Rinnovabili elettriche, cresce del 28% la potenza annuale installata in Italia

25/2/2019 | News Rinnovabili

Nel 2018 allacciati alla rete impianti fotovoltaici, eolici, idroelettrici e da bioenergie per una potenza totale di 1.162 MW, circa 254 MW in più del 2017. Dai dati Gaudì, elaborati dall'Osservatorio FER di Anie Rinnovabili. Oggi in Italia abbiamo 57 GW da fonti rinnovabili.

Europa 2020: nazioni green e isole che aspirano all'autonomia energetica

21/2/2019 | News Rinnovabili

La strategia Europa 2020 è stata elaborata dall’Unione Europea con l’obiettivo di raggiungere una crescita economica, produttiva e sostenibile

10 segnali che dimostrano che la transizione ecologica è cominciata

18/2/2019 | News Rinnovabili

Benché ancora largamente insufficiente, la transizione ecologica è ormai cominciata. Il Wwf elenca i 10 segnali che ce lo confermano.

Trova lo specialista più vicino a te

Regione  
Provincia  

Calendario Eventi

LMMGVSD
    123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031
<<  Marzo  2019  >>