DEHALFV - Lo specialista dell'energia verde

Solare termico, un nuovo liquido per usare d’inverno il calore accumulato d’estate

dehalfv magazine > News Rinnovabili

Accumulare il calore prodotto con il sole durante l’estate per usarlo d’inverno in futuro sarà sempre più facile, anzi, teoricamente si potrà agevolmente stoccarlo anche per utilizzarlo a distanza di anni e, volendo, anche in un luogo diverso.

 

Una strada interessante che si sta seguendo infatti è quella di immagazzinare l’energia nei legami tra gli atomi di molecole particolari. Su questo versante, un gruppo di ricercatori della Chalmers University of Technology, in Svezia, ha compiuto passi avanti importanti, presentati in quattro diverse pubblicazioni scientifiche uscite quest’anno.

 

Circa un anno fa, il team di ricerca ha presentato una molecola in grado di immagazzinare energia solare. Composta da carbonio, idrogeno e azoto, ha la proprietà unica che quando viene colpita dalla luce del sole, si trasforma in un isomero ricco di energia, cioè in una molecola che consiste degli stessi atomi, ma legati insieme in un modo diverso.

 

L’isomero studiato si presenta in forma liquida ed è adattato ad essere usato in un sistema solare termico, che i ricercatori hanno chiamato MOST (Molecular Solar Thermal Energy Storage). Nell’ultimo anno, la squadra della Chalmers University of Technology ha fatto grandi progressi nello sviluppo del MOST.

 

“L’energia in questo isomero può essere conservata fino a 18 anni. E quando estraiamo l’energia per usarla, otteniamo un aumento di calore che è maggiore di quanto osassimo sperare “, spiega il coordinatore del gruppo di ricerca, Kasper Moth-Poulsen.

 

Per controllare il rilascio dell’energia immagazzinata, i ricercatori hanno sviluppato un catalizzatore. Il catalizzatore agisce come un filtro attraverso il quale scorre il liquido, creando una reazione che riscalda il liquido di 63 gradi centigradi. Se il liquido ha una temperatura di 20 °C dopo essere passato dal filtro, esce a 83 °C. Allo stesso tempo, la molecola torna alla sua configurazione originale, così che può essere riutilizzata nel sistema di storage termico.

 

Grazie al lavoro fatto da Moth-Poulsen e colleghi, ora dal materiale si è eliminato il toluene, infiammabile e potenzialmente pericoloso.

 

Il MOST funziona in modo circolare: il liquido cattura energia dal sole, tramite un collettore solare termico sul tetto di un edificio; il liquido viene conservato a temperatura ambiente, con perdite di energia minime e poi, quando l’energia è necessaria, può essere aspirata attraverso il catalizzatore in modo che il liquido si riscaldi restituendo l’energia per essere usato ad esempio negli impianti di riscaldamento domestico, dopo di che può essere rispedito sul tetto per raccogliere altro calore solare.

 

Insomma la cosa è promettente, anche se resta per ora in laboratorio: il gruppo di ricerca punta a portare l’aumento di temperatura ottenibile ad almeno 110 °C e stima che la tecnologia possa essere commercializzata entro 10 anni. 

La povertà energetica colpisce una persona su quattro in Europa

08/4/2019 | News Rinnovabili

In Europa 80 milioni di persone vivono in case inadeguate e insalubri. 60 ONG europee chiedono ai leader dell’UE a “porre fine alla povertà energetica adesso”

“L’Europa acceleri sull’energy storage”, l’avvertimento della Corte dei conti Ue

04/4/2019 | News Rinnovabili

La Corte segnala che i progressi fatti finora per aumentare la capacità produttiva di batterie al litio sono insufficienti.

Energia e clima, sulla decarbonizzazione l’Italia sta rallentando

01/4/2019 | News Rinnovabili

Crescono i consumi, trainati dai trasporti, e cala la produzione da eolico e fotovoltaico. L'analisi ENEA sui dati del 2018.

Batterie al litio, riciclare quasi tutto è possibile

28/3/2019 | News Rinnovabili

Due aziende finlandesi, Fortum e Crisolteq, hanno sviluppato un procedimento industriale che permette di recuperare l’80% dei materiali degli accumulatori, compresi i metalli più preziosi come nickel e cobalto.

Fotovoltaico tandem silicio-perovskite, si avvicina la produzione industriale

25/3/2019 | News Rinnovabili

Accordo strategico tra Meyer Burger e Oxford PV: prima linea pilota da 200 MW entro la fine del 2020 puntando al 27% di efficienza.

In Germania centrali a carbone che diventano batterie

21/3/2019 | News Rinnovabili

Il centro aerospaziale tedesco sta lavorando al primo progetto pilota per convertire vecchi impianti fossili in sistemi di accumulo termico con cui bilanciare la rete.

Trova lo specialista più vicino a te

Regione  
Provincia  

Calendario Eventi

LMMGVSD
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
2930
<<  Aprile  2019  >>