DEHALFV - Lo specialista dell'energia verde

Solare termico, un nuovo liquido per usare d’inverno il calore accumulato d’estate

dehalfv magazine > News Rinnovabili

Accumulare il calore prodotto con il sole durante l’estate per usarlo d’inverno in futuro sarà sempre più facile, anzi, teoricamente si potrà agevolmente stoccarlo anche per utilizzarlo a distanza di anni e, volendo, anche in un luogo diverso.

 

Una strada interessante che si sta seguendo infatti è quella di immagazzinare l’energia nei legami tra gli atomi di molecole particolari. Su questo versante, un gruppo di ricercatori della Chalmers University of Technology, in Svezia, ha compiuto passi avanti importanti, presentati in quattro diverse pubblicazioni scientifiche uscite quest’anno.

 

Circa un anno fa, il team di ricerca ha presentato una molecola in grado di immagazzinare energia solare. Composta da carbonio, idrogeno e azoto, ha la proprietà unica che quando viene colpita dalla luce del sole, si trasforma in un isomero ricco di energia, cioè in una molecola che consiste degli stessi atomi, ma legati insieme in un modo diverso.

 

L’isomero studiato si presenta in forma liquida ed è adattato ad essere usato in un sistema solare termico, che i ricercatori hanno chiamato MOST (Molecular Solar Thermal Energy Storage). Nell’ultimo anno, la squadra della Chalmers University of Technology ha fatto grandi progressi nello sviluppo del MOST.

 

“L’energia in questo isomero può essere conservata fino a 18 anni. E quando estraiamo l’energia per usarla, otteniamo un aumento di calore che è maggiore di quanto osassimo sperare “, spiega il coordinatore del gruppo di ricerca, Kasper Moth-Poulsen.

 

Per controllare il rilascio dell’energia immagazzinata, i ricercatori hanno sviluppato un catalizzatore. Il catalizzatore agisce come un filtro attraverso il quale scorre il liquido, creando una reazione che riscalda il liquido di 63 gradi centigradi. Se il liquido ha una temperatura di 20 °C dopo essere passato dal filtro, esce a 83 °C. Allo stesso tempo, la molecola torna alla sua configurazione originale, così che può essere riutilizzata nel sistema di storage termico.

 

Grazie al lavoro fatto da Moth-Poulsen e colleghi, ora dal materiale si è eliminato il toluene, infiammabile e potenzialmente pericoloso.

 

Il MOST funziona in modo circolare: il liquido cattura energia dal sole, tramite un collettore solare termico sul tetto di un edificio; il liquido viene conservato a temperatura ambiente, con perdite di energia minime e poi, quando l’energia è necessaria, può essere aspirata attraverso il catalizzatore in modo che il liquido si riscaldi restituendo l’energia per essere usato ad esempio negli impianti di riscaldamento domestico, dopo di che può essere rispedito sul tetto per raccogliere altro calore solare.

 

Insomma la cosa è promettente, anche se resta per ora in laboratorio: il gruppo di ricerca punta a portare l’aumento di temperatura ottenibile ad almeno 110 °C e stima che la tecnologia possa essere commercializzata entro 10 anni. 

Record Fraunhofer per il fotovoltaico a concentrazione: efficienza del 41,4%

17/12/2018 | News Rinnovabili

Il risultato è stato raggiunto grazie all'utilizzo di speciali celle solari multigiunzione e alla perfetta interazione tra la cella e l'ottica del modulo

Energie rinnovabili, ‘il Sole in scatola’ ne consente lo stoccaggio

13/12/2018 | News Rinnovabili

Ideato dal Mit, il dispositivo immagazzina l’energia solare o eolica all’interno di un serbatoio di silicio fuso e converte il calore del metallo incandescente in elettricità

Fotovoltaico, verso materiali a inseguimento solare autonomo

11/12/2018 | News Rinnovabili

Una ricerca ha individuato una struttura con movimento autoregolato, che consente al materiale di orientarsi continuamente per seguire in modo autonomo la luce.

Tornano a crescere nel 2018 le emissioni di CO2

07/12/2018 | News Rinnovabili

Dopo alcuni anni di stallo che avevano fatto sperare nell'inizio della svolta necessaria per salvare il clima, la quantità di gas serra prodotti globalmente è nuovamente in ascesa, rendendo sempre più urgente un'inversione di rotta

Nei paesi in via di sviluppo più investimenti in rinnovabili che in fossili

03/12/2018 | News Rinnovabili

Il dato in una ricerca svolta da Bloomberg: grazie a costi di installazione sempre più bassi, la corsa all'eolico e al solare è più veloce ormai nei mercati emergenti che non in quelli industrializzati

Comuni Rinnovabili 2018: il rapporto Legambiente ritrae un’Italia sempre più rinnovabile

30/11/2018 | News Rinnovabili

Presentato il rapporto annuale di Legambiente Comuni Rinnovabili

Trova lo specialista più vicino a te

Regione  
Provincia  

Calendario Eventi

LMMGVSD
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031
<<  Gennaio  2019  >>