DEHALFV - Lo specialista dell'energia verde

Obbligo contabilizzazione calore: scadenza vicina, incognita slittamento

dehalfv magazine > News Rinnovabili

Era prevedibile che la contabilizzazione individuale del calore negli edifici condominiali avrebbe causato qualche problema verso la fine dell’anno. Parliamo di un obbligo - installare i dispositivi che consentono di “leggere” i consumi energetici delle singole unità immobiliari - che per diversi motivi ha innescato una corsa all’ultimo minuto per rispettare le disposizioni di legge.

 

Il 31 dicembre 2016, com’è noto, è il termine ultimo per adeguare gli impianti centralizzati di riscaldamento alle norme del D.lgs. 141/2016 che, a sua volta, ha integrato il D.lgs. 102/2014; la direttiva europea di riferimento è la 27/2012 sull’efficienza energetica.

 

Tra i problemi c’è stato anche il ritardo con cui è uscito l’ultimo decreto, pubblicato in Gazzetta Ufficiale lo scorso luglio, oltre a una serie di dubbi e interpretazioni sulla corretta applicazione delle varie misure.

 

I proprietari degli appartamenti, in sintesi, devono far installare due tipi di apparecchi: un sistema di contabilizzazione, che consente di misurare il calore fornito alle diverse abitazioni da un generatore centralizzato o da una rete di teleriscaldamento, oltre a un sistema di termoregolazione - cioè le valvole termostatiche sui caloriferi - che permette all’utente di variare la temperatura desiderata negli ambienti interni.

 

Per i trasgressori, sono previste sanzioni nell’ordine di 500-2.500 euro per ogni appartamento.

 

Tra l’altro, una recente sentenza della Corte d’Appello di Trento ha chiarito che un proprietario non può rifiutarsi di far eseguire gli interventi tecnici deliberati dall’assemblea condominiale.

 

L’unica scappatoia ai dettami del D.lgs. 141/2016 è data dalle eventuali condizioni di “impossibilità tecnica” e “mancanza di convenienza economica”, che però devono essere accertate da un tecnico abilitato attraverso una dettagliata relazione.

 

Da qualche settimana circolano voci su un possibile slittamento dell’obbligo nei primi mesi del 2017, presumibilmente aprile.

 

Diversi soggetti, tra cui ad esempio Confedilizia, stanno chiedendo al Governo di prorogare la messa in regola dei condomini. Un’altra ipotesi è che le agenzie regionali preposte ai controlli dal primo gennaio possano adottare una “linea morbida” per i primi mesi, lasciando un po’ di tempo in più per completare le installazioni.

 

Anche alcuni operatori-installatori si dicono preoccupati per questa corsa di fine anno all’adeguamento degli impianti, con il rischio che tecnici inesperti vadano a compiere lavori non a regola d’arte. Tra l’altro, intervenire sugli impianti di riscaldamento accesi è molto più complesso rispetto a quando sono spenti; un problema in più per gli edifici condominiali che si sono mossi in ritardo.

 

Queste ipotesi di uno slittamento sono veritiere? Fonti del ministero dello Sviluppo economico affermano che sono voci infondate e che al momento resta la scadenza del 31 dicembre 2016. Nessuno “sconto” in vista, quindi, per chi non sarà in regola a quella data, questa almeno è la versione ufficiale.

 

Le stesse fonti ministeriali, però, affermano anche che ci sono delle criticità all'attenzione del MiSE.

 

Certo non sarebbe semplice posticipare l’obbligo della contabilizzazione al 2017, si osserva, perché il rischio d’incorrere in una procedura d’infrazione europea sarebbe molto alto per l’Italia. 

Elettrificazione e rinnovabili al 2050, uno sforzo epocale

11/4/2019 | News Rinnovabili

Tagliare le emissioni di CO2 del 70% a metà secolo è possibile, ma richiede uno sforzo considerevole per rivoluzionare l'attuale mix energetico.

La povertà energetica colpisce una persona su quattro in Europa

08/4/2019 | News Rinnovabili

In Europa 80 milioni di persone vivono in case inadeguate e insalubri. 60 ONG europee chiedono ai leader dell’UE a “porre fine alla povertà energetica adesso”

“L’Europa acceleri sull’energy storage”, l’avvertimento della Corte dei conti Ue

04/4/2019 | News Rinnovabili

La Corte segnala che i progressi fatti finora per aumentare la capacità produttiva di batterie al litio sono insufficienti.

Energia e clima, sulla decarbonizzazione l’Italia sta rallentando

01/4/2019 | News Rinnovabili

Crescono i consumi, trainati dai trasporti, e cala la produzione da eolico e fotovoltaico. L'analisi ENEA sui dati del 2018.

Batterie al litio, riciclare quasi tutto è possibile

28/3/2019 | News Rinnovabili

Due aziende finlandesi, Fortum e Crisolteq, hanno sviluppato un procedimento industriale che permette di recuperare l’80% dei materiali degli accumulatori, compresi i metalli più preziosi come nickel e cobalto.

Fotovoltaico tandem silicio-perovskite, si avvicina la produzione industriale

25/3/2019 | News Rinnovabili

Accordo strategico tra Meyer Burger e Oxford PV: prima linea pilota da 200 MW entro la fine del 2020 puntando al 27% di efficienza.

Trova lo specialista più vicino a te

Regione  
Provincia  

Calendario Eventi

LMMGVSD
  12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930
<<  Aprile  2020  >>